Archive for the ‘Incontri e Eventi’ Category

Momenti della Decrescita Felice: ultimo mercoledì di ogni mese

MOMENTI DI DECRESCITA FELICE

Organizzati dal Circolo MDF Bergamo

Ogni ultimo mercoledì di ogni mese a partire da mercoledì 30/01 ci troviamo dalle 20:30 al Caffè Letterario in via San Bernardino per parlare di autoproduzione, orticoltura, stile di vita…, per confrontarci e conoscerci…

Ecco il calendario preciso:

30/01/2013

27/02/2013

27/03/2013

24/04/2013

29/05/2013

26/06/2013

Venezia 2012: si chiude la 5 giorni dedicata alla decrescita

È tempo di rompere con il neo-liberismo, la globalizzazione e le imposture di un capitalismo nella sua fase terminale. Il tutto, iniziando a ragionare “passando dall’io al noi”. La pensano così i partecipanti alla terza conferenza internazionale sulla decrescita: cinque giorni di eventi, workshop e manifestazioni. Che, vista l’affluenza, hanno dato un forte messaggio sulla rilevanza degli argomenti trattati: da quello politico-economico a quello ambientale, da quello occupazionale a quello spirituale. Fino al confronto con i modelli offerti dal sud del mondo e dall’eco-femminismo. Ma attenzione, avvertono i ‘decrescisti’, la strada è ancora lunga: “Del quadro che si vuole dipingere, il lavoro fatto finora equivale solo a due pennellate”.

A Venezia, negli scorsi giorni, si è capita una cosa: per molti è ormai tempo di cambiare. Non si spiegherebbe altrimenti il livello di partecipazione: se le persone iscritte ai seminari de “La grande transizione: la decrescita come passaggio di civiltà” erano 671, sono state infatti 850 quelle che vi hanno partecipato. Si parla di alcune migliaia, invece, se si considerano tutte quelle presenti agli incontri pubblici ed ai vari “eventi paralleli”. Come quello su “Immaginazione e spiritualità”, che da solo ha visto la Basilica dei Frari accogliere oltre mille persone, provenienti da 47 Paesi diversi.

Dopo la giornata di apertura, mercoledì 19 settembre, giovedì si è parlato di beni comuni, focalizzandosi sulla loro gestione equa e sui vantaggi della condivisione delle risorse. Venerdì è stato il giorno dedicato al lavoro: si sono trattati temi delicati come il precariato e la crisi del welfare. Sabato, invece, la protagonista è stata la democrazia, e quindi il bisogno di una transizione verso modelli di governo maggiormente partecipati. Fino a domenica, giornata di chiusura dei lavori. Parole d’ordine, durante tutta la conferenza: partecipazione, localizzazione, valorizzazione delle diversità. Ed ovviamente sostenibilità.

Principale accusata, a Venezia, è risultata la cultura consumistica: competitiva ed alienante, è stata ritenuta all’unanimità la vera origine delle crisi ambientali, sociali ed occupazionali che stiamo vivendo. Come sconfiggerla, dunque? Secondo l’economista Serge Latouche, è necessario innanzitutto “de-colonizzare l’immaginario, magari incominciando a buttare la tv, vero strumento di colonizzazione”. “La riconversione delle attività tossiche – ha ribadito il professore parigino – riguarda infatti anche quelle che lo sono a livello spirituale, come la pubblicità e il marketing”, il cui scopo è l’omologazione sui modelli occidentali di consumo, che “generano solo frustrazione”.

Nel mondo globalizzato “avere molte differenze e sviluppare la dimensione locale non è ritenuto efficiente, né un bene per il profitto”, afferma l’eco-attivista Helena Norberg-Hodge: “Ma è una grande menzogna. Se tutti ad esempio mangiassero prodotti locali, le multinazionali ridurrebbero i loro profitti, ma letteralmente milioni di persone ne potrebbero trarre vantaggi anche in termini economici”. Ciò non significa bloccare il turismo o i commerci internazionali, aggiunge Norberg-Hodge, ma “far fronte ai problemi odierni, sfatando appunto il mito della crescita”. Stesso discorso per l’autoproduzione di beni, cavallo di battaglia di Maurizio Pallante, che ammette: “Ci sono cose che non si possono auto-produrre. Pensiamo a un computer o ad una tac: sono beni molto utili, che dobbiamo necessariamente acquistare sul mercato”. “L’importante – aggiunge il fondatore del Movimento per la Decrescita Felice – sarebbe però ricominciare a ragionare in termini qualitativi, quando si parla di produzione, e non solo quantitativi”.

Spunti di riflessione interessanti. Che, si spera, possano andare oltre la critica teorica e le buone intenzioni. Di sicuro ci vorrà ancora del tempo, prima che si possano trasformare in azioni politiche ed economiche concrete. Ma è meglio sbrigarsi, avvertono i sostenitori della decrescita, perché il tempo stringe. Gli sconvolgimenti ambientali e sociali che si stanno già verificando, infatti, rendono più urgente un cambio di direzione che può partire solo dall’unione dei singoli. “Non c’è la cavalleria che verrà a salvarci”, fa presente Rob Hopkins, fondatore del Transition Network riferendosi a governi ed istituzioni: “Il cambiamento deve partire da noi, perché la decrescita non è solo cambiare le proprie lampadine o coltivare carote. È un cambiamento interiore, per cui ci dobbiamo aiutare l’un l’altro”. Gli fa eco Alex Zanotelli, per cui ormai “la speranza nasce solo dal basso”. “Dall’alto – conclude il missionario – non aspettiamoci più nulla”.

Fonte: www.ilfattoquotidiano.it

Incontri: Come affrontare la crisi? “Consumare” meno per vivere meglio?

“Meno e meglio” è il titolo dell’ultimo libro di Maurizio Pallante, in cui si affrontano le tematiche chiave di MDF – Movimento per la Decrescita Felice. Vengono messi in evidenza i temi del benessere e della ricchezza materiale in relazione alla situazione di crisi economica, sociale e ambientale, trovando come una delle possibili vie d’uscità il “consumare” meno e meglio.

Se ne parlerà giovedì 26 gennaio 2012 alle ore 21:00 presso Auditorium “Cassa Rurale (ex Canossiane) di Treviglio (Bg), in via Carcano 15. Interverranno:

Andrea Di Stefano, Direttore della rivista Valori, mensile di economia sociale finanza etica e sostenibilità
Maurizio Pallante, fondatore del Movimento per la Decrescita Felice
Modera Benigno Calvi, Presidente Cooperativa Famiglie Lavoratori di Treviglio negli anni 2000-2006.

La serata è organizzata da Cooperativa Famiglie Lavoratori, Movimento per la Decrescita Felice Circ0lo di Bergamo e da Cittadinanza Sostenibile.

Il giorno successivo, venerdì 27 gennaio 2012, alle ore 21:00 presso la Fondazione Serughetti Centro La Porta, in viale Papa Giovanni XXIII n. 30 a Bergamo, Maurizio Pallante presenterà il suo nuovo libro “Meno e meglio,  decrescere per progredire”.

Il fondatore del Movimento per la Decrescita Felice racconta una rivoluzione fatta di semplicità, di ragione e di rispetto, che si fonda sulla scelta di ridurre la produzione e il consumo delle merci che non soddisfano nessun bisogno.

Salvo eventuali imprevisti, l’evento sarà trasmesso anche in diretta web
all’indirizzo: http://www.livestream.com/decrescitafelicebergamo

per info: decrescitafelicebergamo@gmail.com
Gruppo Facebook: Circolo della Decrescita Felice di Bergamo

Salviamo l’Azienda Agricola La Merletta da una superstrada che la distruggerà

Il Circolo della Decrescita Felice di Bergamo sostiene l’iniziativa dell’azienda agricola “La Merletta” nella loro campagna per preservare l’ambiente. Solidarietà da parte nostra.

“SALVIAMO LA MERLETTA Inawakan (madreterra)”
Salviamo l’Azienda Agricola La Merletta da una superstrada che la distruggerà
—————————————————————————————
‘Strada ad Almè, il no degli indiani – Il 19 una protesta a Bergamo’
Articolo de ‘L’ECO DI BERGAMO‘ 10 ottobre 2010

“Il sogno di una vita concretizzato nell’azienda agricola «La Merletta» rischia di essere spazzato via dalla nuova strada prevista dalla Provincia e avvallata dal Comune di Almè con il placet della Regione…”

(Leggi tutto l’articolo su: web /versione cartacea )
—————————————————————————————-

La Merletta: come è ora
Come vogliono ridurla LA PRIMA IMMMAGINE RAPPRESENTA LA MERLETTA COME E’ OGGI
LA SECONDA UNA SIMULAZIONE FOTOGRAFICA DI COME POTREBBE ESSERE
L’IMPATTO SULL’AMBIENTE DEL VIADOTTO IN PROGETTO.

TENENDO PRESENTE CHE LA SIMULAZIONE E’ SENZALTRO MEGLIO DEL

RISULTATO FINALE REALE CHE SARA’ ANCOR PIU’ DEVASTANTE:
IL TRACCIATO TRANCERA’ COMPLETAMENTE QUESTA FATTORIA UNICA NEL SUO GENERE

Alcuni motivi per cui è necessaria la tua firma:

  • la superstrada distrugge un eco-sistema naturale del fiume Brembo;
  • cancella 250 anni di storia;
  • distrugge l’unica e ultima Agricoltrice Diretta di Almè;
  • rade al suolo una scuola didattica, un agriturismo e la casa degli scoiattoli e tantissimi animali che vivono in questo paradiso;
  • Versa 10.000 mq di cemento in un’area di salvaguardia ambientale e fortemente a rischio per dissesto idrogeologico.
  • rende necessario demolire attività artigianali (Bonalumi Gomme, Arrigoni srl, Carrozzeria Brena, Brugnetti – Ocima, Carenini Gomme)
  • un’abitazione civile della famiglia ARRIGONI.

La raccolta della firme si svolge in fattoria.
Gruppo su Salviamo La Merletta!

E’ possibile firmare alla raccolta delle firme a sostegno dell’azienda agricola La Merletta anche recandosi presso la sede della nostra associazione Circolo della Decrescita Felice di Bergamo al Caffè Letterario.

Appuntamenti:

Domenica 17 ottobre 2010 dalle ore 12:00 presso la cascina dell’azienda agricola La Merletta si discuterà della iniziativa per salvare l’ultima azienda agricola di Almè, saranno presenti indiani nativi, arrivati sul luogo per aiutare a difendere quest’azienda dalla cementificazione e dal consumo del territorio. Sarà possibile pranzare insieme ma è facoltativo, si potrà partecipare nell’arco del pomeriggio per discutere.

Martedì 19 ottobre,
0re 10.00 comune di Almè
ore 10.30, sede Provincia via T. Tasso Bergamo
ore 12.00 sede Regione Lombardia via XX settembre.
I proprietari dell’Azienda Agricola La Merletta di Almè, accompagnati da una delegazione di indiani Cree del Canada, Aztechi del Messico, Maasai del Kenya, numerosi amici e rappresentanti di associazioni culturali e sociali, all’urlo di «salviamo l’ultima riserva». La manifestazione pacifica si concluderà  con la consegna al presidente della Provincia di frutti della terra di Almè, oggetti dello scultore Cortinovis legati alla cultura del territorio (e presenti nel percorso didattico alla Merletta) e una petizione popolare per salvare La Merletta.

Il Circolo della Decrescita Felice di Bergamo sostiene l’iniziativa dell’azienda agricola “La Merletta” nella loro campagna per preservare l’ambiente. Solidarietà da parte nostra
Link dell’iniziativa: http://www.salviamolamerletta.it/
Gruppo FB: Salviamo La Merletta!
Articolo del giornale: PROTESTA DI INDIANI CREE, AZTECHI E MAASAI PER «SALVARE L’ULTIMA RISERVA» DI ALMÈ

_______________________________________________

E’ possibile firmare alla raccolta delle firme a sostegno dell’azienda agricola La Merletta anche recandosi presso la sede della nostra associazione Circolo della Decrescita Felice di Bergamo al Caffè Letterario.

Appuntamenti:
Domenica 17 ottobre 2010 dalle ore 12:00 presso la cascina dell’azienda agricola La Merletta si discuterà della iniziativa per salvare l’ultima azienda agricola di Almè, saranno presenti indiani nativi, arrivati sul luogo per aiutare a difendere quest’azienda dalla cementificazione e dal consumo del territorio. Sarà possibile pranzare insieme ma è facoltativo, si potrà partecipare nell’arco del pomeriggio per discutere.
Martedì 19 ottobre,
0re 10.00 comune di Almè
ore 10.30, sede Provincia via T. Tasso Bergamo
ore 12.00 sede Regione Lombardia via XX settembre.
I proprietari dell’Azienda Agricola La Merletta di Almè, accompagnati da una delegazione di indiani Cree del Canada, Aztechi del Messico, Maasai del Kenya, numerosi amici e rappresentanti di associazioni culturali e sociali, all’urlo di «salviamo l’ultima riserva». La manifestazione pacifica si concluderà  con la consegna al presidente della Provincia di frutti della terra di Almè, oggetti dello scultore Cortinovis legati alla cultura del territorio (e presenti nel percorso didattico alla Merletta) e una petizione popolare per salvare La Merletta.

Per contattarci inviaci una email a decrescitafelicebergamo@gmail.com risponderemo al più presto possibile

La nostra sede:  Via San Bernardino, 53 Bergamo (c/o Caffè Letterario), tel. /fax 035-243964

Laboratorio della Passata del Pomodoro

IL CIRCOLO DELLA
DECRESCITA FELICE DI BERGAMO
 


ha il piacere d’invitarti al
Laboratorio della Passata del Pomodoro
biologica ed a km 0
sabato 25 settembre
di mattina dalle ore 10
alla Cascina Pesenti
di Grumello al Piano (Bg)
in via Moraschi nell’ambito della festa
del Parco Agricolo Ecologico
Festeggerà con noi la nascita del Circolo 

Maurizio Pallante

(fondatore del Movimento Nazionale della Decrescita Felice)

PARTECIPA ANCHE TU

potrai riscoprire il piacere, il gusto e la salubrità
di una tradizione di cui vogliamo riappropriarci 

Ricordati di portare con te un grembiule, la tua allegria ed il desiderio di girare la manovella

Al termine del laboratorio, verso l’ora di pranzo potrai anche gustare una sana e biologica

SPAGHETTATA al POMODORO e BASILICO, insalate e taglieri misti

Costo: 2€ al kg per la passata di pomodoro ed offerta libera per la spaghettata.
Iscrizione: la mattina sul posto, oppure preiscriviti sul nostro sito internet trovi le istruzioni, oppure anche su FACEBOOK all’evento: TUTTI AL LAVORO PER LA PASSATA DI POMODORO (preiscrizione non obbligatoria)
per informazioni: email: decrescitafelicebergamo@gmail.com – web: http://www.decrescitafelicebergamo.org
Gruppo FACEBOOK: Circolo della Decrescita Felice di Bergamo

Per contattarci inviaci una email a decrescitafelicebergamo@gmail.com risponderemo al più presto possibile

Laboratorio della Passata del Pomodoro biologica ed a km 0

La nostra sede: Via San Bernardino, 53 Bergamo (c/o Caffè Letterario), tel. /fax 035-243964

Festa del Parco Agricolo Ecologico di Bergamo e Stezzano

Durante la festa del Parco Agricolo Ecologico di Bergamo saremo presenti con uno stand dove accoglieremo chi vorrà partecipare al primo laboratorio di decrescita felice imparando a fare la passata di pomodori. 

Potete preiscrivervi inviandoci una email (iscrizione a numero chiuso) così ci darete la possibilità di acquistare i pomodori biologioci garantiti dalla cooperativa Biplano situata a pochi metri da dove faremo la festa, oppure potrete iscrivervi la mattina alle ore 10 direttamente sul posto. 

In quel giorno ci sarà anche MAURIZIO PALLANTE che inaugurerà il nostro circolo e si intratterrà con noi dialogando in un contesto del tutto informale e coinvolgente. 

Ovviamente chiunque parteciperà al laboratorio porterà a casa i barattoli di passata fatta con le proprie mani per degustarla con comodo. 

ATTENZIONE: PER ISCRIZIONI INVIARE UNA EMAIL a DECRESCITAFELICEBERGAMO@GMAIL.COM 

Ecco il calendario di tutta la manifestazione:


FESTA DEL PARCO AGRICOLO ECOLOGICO di Bergamo e Stezzano
venerdì 24, sabato 25, domenica 26 settembre
Bergamo – Quartiere di Grumello al Piano
Settembre 2010 

Venerdì 24 settembre 

ore 20.30 Incontri:  “Il Parco Agricolo Ecologico per la Città e la Grande Bergamo”Tavola rotonda con gli Amministratori Pubblici
                       (Comuni di Bergamo e Stezzano, Provincia, e Regione)
                       Interventi introduttivi di:
                      Renato Ferlinghetti (Università degli Studi di Bergamo – CST)
                     Mario Carminati (Agronomo)
                     Sergio Sottocornola (Urbanista)
                    Auditorium dell’Oratorio di Grumello al Piano 

Sabato 25 settembre 

ore 8.00  Bancarella di verdure Biologiche Coop. Biplano
                      Circolo Arci – Via Gorizia (chiusura ore 12)
ore 10.00 Laboratorio: “La passata di pomodoro biologica e a Km 0”:
                       a cura del Movimento Decrescita Felice – Bergamo – Info: http://www.decrescitafelicebergamo.org
                      Cascina Pesenti – Via Moraschi
ore 13.00 Spaghettata con la passata di pomodoro, taglieri misti, insalate
                      Cascina Pesenti – Via Moraschi
ore 15.00 Biciclettata per conoscere il Parco Agricolo Ecologico di Bergamo e Stezzano 
                       Comitato PAE
                       Partenza dalla Cascina Pesenti – Via Moraschi
ore 17.00 Incontri: “La valorizzazione e la riconversione dell’agricoltura locale”
                       
Esempi concreti nel Parco Agricolo Ecologico (PAE), dintorni e provincia illustrati dagli stessi agricoltori e/o loro rappresentanti di categoria.
                       Riflessioni sul tema:
                       Maurizio Pallante (fondatore Movimento della Decrescita Felice)
                      Auditorium dell’Oratorio di Grumello al Piano
ore 18.30 Laboratorio del  Gusto: “Olio extravergine e oli bergamaschi” a cura di Slow Food Bergamo
                      (numero di posti limitato – contributo spese € 5,00)
                     Circolo Arci – Via Gorizia
ore 20.00 Cena a base di prodotti agroalimentari locali, naturali e biologici taglieri, grigliate miste, polenta, …
                        Cascina Pesenti – Via Moraschi
ore 20.30 Intrattenimento musicale
                       Cascina Pesenti – Via Moraschi

Nel pomeriggio saranno allestiti stands illustrativi di: Associazioni, Comitati e Cooperative nel cortile della cascina 

Domenica 26 settembre 

ore 09.30 Apertura del mercato Agro-Alimentare ispirato al disciplinare di “Mercato&Cittadinanza”
                        Vendita diretta di prodotti locali, naturali, biologici
                        Stands illustrativi delle realtà associative
                        Piazza Aquileia – Via Tagliamento
ore 11.00 Laboratorio del Gusto: “I formaggi del mercato”
        
             a cura di Slow Food Bergamo
                      (numero di posti limitato – contributo spese € 5,00)
                     Cascina Pesenti – Via Moraschi
ore 12.30 Pranzo a base di prodotti agroalimentari locali, naturali, biologici taglieri, grigliate miste, polenta, …
      
               Cascina Pesenti – Via Moraschi
Pranzo vegetariano biologico su prenotazione a cura della Cooperativa Biplano
Telefonare al Circolo Arci: 035.258796   Circolo Arci – Via Gorizia 

Nel pomeriggio dalle ore 15.00 animazione in Piazza per grandi e piccini in collaborazione con lo “Spazio Giovani” e gli operatori del “Contratto di Quartiere” 

ore 14.30 Incontri: “Per un mercato agricolo periodico di Zona e un negozio stabile di alimentari a Grumello”
                       con gli Assessori Tommaso D’Aloia e Enrica Foppa Pedretti e i Responsabili del Contratto di Quartiere Grumello al Piano
                      CSC (Biblioteca Comunale) Via Gorizia, 4
ore 16.00 Concerto Rataplam – Gruppo Folk, Danze popolari a cura di “ARCIBLOOM”.
                       Cortile Circolo Arci – Via Gorizia
ore 18.00 Chiusura della festa con aperitivo
                       Piazza Aquileia 

 Info: Comitato PAE – tel. 0235.310279 – cell. 333 2383834
Come raggiungerci: da Bergamo in direzione Dalmine, alla nuova rotonda prima del semaforo di Lallio girare a sinistra in via Morali, proseguire oltre Piazza Aquileia fino ai vicini parcheggi. 

Il Comitato Promotore intende ripetere l’iniziativa di ottobre dello scorso anno nel cuore del Parco Agricolo Ecologico (PAE) di Bergamo e Stezzano per valorizzare le aree e le attività agricole, i produttori agro- alimentari e i loro prodotti, nell’ottica dello scambio diretto tra produttori e consumatori. Organizza: 

Convegni, esperienze a confronto, ristori, biciclettate, laboratori del Gusto, animazione, musica e tanto altro 

Mostra di pittura sul Parco Agricolo Ecologico espone ELISA ERROI
Mostra fotografica su Grumello al Piano espone PIERO MARCASSOLI 

 Elenco del comitato Promotore: 

Associazione GAIA – animali e ambiente  – delegazione di Bergamo 
Associazione Mercato&Cittadinanza 
Associazione Movimento della Decrescita Felice – Circolo di Bergamo 
Circolo ARCI di Grumello al Piano 
Comitato del Parco Agricolo Ecologico (PAE) 
Comitato Sovraccomunale per la Difesa e Valorizzazione del PLIS del Parco Agricolo Ecologico di Bergamo e Stezzano 
Cooperativa sociale “Biplano” 
Gruppo di Cittadinanza Sostenibile 
Slow Food Bergamo 

Si ringraziano l’Oratorio di Grumello e la famiglia Pesenti per la disponibilità degli spazi 
Il ricavato della festa sarà utilizzato per la promozione del Parco Agricolo Ecologico 

Laboratorio della Passata del Pomodoro biologica ed a km 0 

 

Lezioni di Agricoltura alla Biplano

Grazie alla disponibilità della Cooperativa Biplano di Bergamo nei prossimi sabato mattina passeremo del tempo imparando “sul campo” l’arte della coltivazione e della cura della terra.

Ci si sveglia presto per approfittare delle ore meno calde per lavorare la terra ; infatti si iniziano i lavori alle 7.30 del mattino e normalmente si finisce verso le 10.30 11.

Come si coltivano pomodori? Come si raccolgono le zucchine? come si organizza un orto? Quali sono i periodi giusti per la semina, raccolta e manutenzione?

Bene, queste sono le cose che impariamo ogni sabato lavorando e collaborando con i disponibilissimi soci della cooperativa Biplano.