Filiera del cotone 1 parte

Iniziamo a informarci sulla filiera del cotone e sul suo impatto ambientale.

La coltivazione del cotone ha un forte impatto ambientale sia per le emissioni di CO2, dovuto all’uso massiccio di pesticidi impiegati nella coltivazione , sia per come questi pesticidi vanno ad inquinare le falde acquifere e il terreno coltivato, il quale perde gran parte della sua fertilità e tutto va ad incidere anche sulla salute dei coltivatori.

L’impiego dei prodotti chimici non si limita all’ambito della coltivazione , ma prosegue nello sbiancamento del tessuto ottenuto dalla fibra e anche nella colorazione. E’ per questo che anche il cotone può dare vita a fenomeni allergici e a dermatiti.

Il cotone è ancora oggi la fibra tessile più utilizzata sul pianeta, nel 47% dei casi: secondo Altromercato, che cita dati dell’istituto di ricerche Cropnosis, «sul cotone, che occupa il 3% della produzione agricola mondiale, si utilizzano il 19% del totale degli insetticidi e il 9% di tutti i pesticidi». E ciò comporta diminuzione della fertilità della terra, inquinamento delle falde acquifere, riduzione della biodiversità, danni alla salute dei coltivatori e di chi indosserà quelle fibre una volta trasformate in jeans, magliette e lenzuola.

Per questo, dagli anni Ottanta è in costante crescita l’interesse per il cotone organico, ottenuto da agricoltura biologica, senza l’utilizzo di sostanze chimiche, con sementi non Ogm, e trattato e colorato con prodotti naturali e non pericolosi per la pelle. La differenza sta nel fatto che vengono utilizzati fertilizzanti di origine vegetale ed animale e l’erba infestante viene rimossa manualmente, o con l’ausilio meccanico. Per combattere invece i parassiti che sono dannosi per la pianta di cotone,  si impiegano semplicemente insetti antagonisti. Le semenze impiegate sono di origine biologica in quanto vengono utilizzate quelle che non hanno subito alcun trattamento chimico da almeno quattro germinazioni.

Fonti utilizzate per scrivere questo breve articolo:

www.wikipedia.org

www.unconventional-tshirt.com

www.altarosa.it

www.greennews.info

 

 

Annunci

One response to this post.

  1. bravi e grazie. materiali da coltivazione biologica anche per la sposa 😉

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: